sabato 28 marzo 2015

Le Palme

Nella domenica delle Palme, la liturgia ci propone il racconto della Passione tratto dal Vangelo secondo Marco. Gesù dice ai discepoli:
«Tutti rimarrete scandalizzati, perché sta scritto: “Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse”. Ma, dopo che sarò risorto, vi precederò in Galilea».
Sul significato di questa domenica ascoltiamo il commento di don Ezechiele Pasotti:
Fin dall’antichità la Chiesa commemora oggi, con la processione delle palme, l’ingresso trionfale del Signore a Gerusalemme, prima della sua passione. E la palma, o il ramo di ulivo, che la tradizione vuole poi presente nelle nostre case durante tutto l’anno, è segno tangibile della passione e morte del Signore e della sua gloriosa risurrezione. Non può essere un gesto banale o solo devozionale, specialmente in questi nostri tempi così significativi per noi cristiani e per la nostra fede. Noi non seguiamo un vincitore, un trionfatore umano, ma neppure un vinto. Seguiamo uno che è risorto dalla morte, perché si è consegnato volontariamente alla morte. Il grido: “Crocifiggilo! Crocifiggilo!”, risuona ancora oggi, come forse mai prima nella storia della Chiesa, contro tanti cristiani, spesso anche dimenticati! Per ben due volte la liturgia ci proporrà in questi giorni la passione del Signore. È l’ora delle tenebre, l’ora della vittoria del male, l’ora in cui Dio stesso sembra aver dimenticato la sua creatura, l’ora che sembra senza speranza alcuna. Ma Dio c’è. Quell’uomo che muore su quei due pezzi di legno è Dio. Dio è lì, sulla croce stessa. Grida all’uomo che non crede, a me ed a te: “Ecco come ama Dio!”. “Ecco fino a che punto ama Dio!”. Facciamo nostra la preghiera di Benedetto XVI alla Vergine della speranza, perché ci aiuti a ritrovare i segni di questa presenza di Dio: “Madre della speranza, che nel buio del sabato santo andasti con incrollabile fiducia incontro al mattino di Pasqua, dona ai tuoi figli la capacità di discernere in  ogni situazione, fosse pure la più buia, i segni della presenza amorosa di Dio” (Benedetto XVI, Preghiera a Nostra Signora di Sheshan – Cina). E faremo Pasqua con il Signore!

venerdì 13 marzo 2015

Francesco


Dalla pagina Facebook di Mango:"Oggi è il secondo anno di pontificato di Papa Francesco,
il nostro piccolo omaggio in musica è un brano che Mango scrisse ispirandosi a San Francesco d'Assisi.
Quanto sole su di noi.
Tu appartieni a me, 
come un sentiero ai passi suoi.
Quanto sole su di noi
sei nascente, come se
fosse giorno nuovo in me.
Quanto sole su di noi.
Non ho più paura
e forte di te
m'innalzerò con te.
E' un po' come perdersi,
oh no, senza di te, oh no,
è fumo nell'anima
chiusa in un brivido.
Sorprendimi subito.
Sei tu, mistero che non so.
Io sono l'ultima
luce possibile.
Quanto sole su di noi.
Tu appartieni a me,
come un sentiero ai passi suoi.
Quanto sole su di noi.
Sei nascente, come se
fosse giorno nuovo in me.
Quanto sole su di noi.
Non ho più paura
e forte di te
m'innalzerò con te.
E' un po' come perdersi.
Da te fino al cuore.
Con te
scendo dal sogno mio
sospeso a un cantico.
Non voglio più perderti.
Vorrei poterti dire
che sei l'azzurro,
nobile sposo dei secoli.
Pregherò.
Cercherò.
Morirò di te".

venerdì 6 marzo 2015

Udienza di oggi del Papa al Cammino Neocatecumenale



Sintesi:


Papa: la Chiesa ha "la necessità di passare da una pastorale di semplice conservazione a una pastorale decisamente missionaria"
 Il Cammino poggia su quelle tre dimensioni della Chiesa che sono la Parola, la Liturgia e la Comunità. Perciò l'ascolto obbediente e costante della Parola di Dio; la celebrazione eucaristica in piccole comunità dopo i primi vespri della domenica, la celebrazione delle lodi in famiglia nel giorno di domenica con tutti i figli e la condivisione della propria fede con altri fratelli sono all'origine dei tanti doni che il Signore ha elargito a voi, così come le numerose vocazioni al presbiterato e alla vita consacrata. Vedere tutto questo è una consolazione, perché conferma che lo Spirito di Dio è vivo e operante nella sua Chiesa, anche oggi, e che risponde ai bisogni dell'uomo moderno".
"In diverse occasioni ho insistito sulla necessità che la Chiesa ha di passare da una pastorale di semplice conservazione a una pastorale decisamente missionaria (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 15). Questa è la cosa più importante da fare se non vogliamo che le acque ristagnino nella Chiesa. Il Cammino da anni sta realizzando queste missio ad gentes in mezzo ai non cristiani, per una implantatio Ecclesiae, una nuova presenza di Chiesa, là dove la Chiesa non esiste o non è più in grado di raggiungere le persone. «Quanta gioia ci date con la vostra presenza e con la vostra attività!» - vi ha detto il beato Papa Paolo VI nella prima udienza con voi (8 maggio 1974: Insegnamenti di Paolo VI, XII [1974], 407). Anch'io faccio mie queste parole e vi incoraggio ad andare avanti, affidandovi alla Santa Vergine Maria che ha ispirato il Cammino Neocatecumenale. Lei intercede per voi davanti al suo Figlio divino".

Famiglie in missione: doniamo la gioia della fede che abbiamo ricevuto



giovedì 5 marzo 2015

Kiko Argüello: "Un evento di nuova evangelizzazione"

Cammino Neocatecumenale: domani il Papa invia 31 missio ad gentes


 L’udienza di Papa Francesco col Cammino Neocatecumenale verrà trasmessa in diretta sia per televisione che per radio.
TELEVISIONE:
In ITALIA: 
a. dalla televisione della Conferenza Episcopale Italiana TV2000 visibile
• sul digitale terrestre canale 28
• sul satellite al canale 140 SKY
• sulla piattaforma satellitare tivùsat al canale 18
• in streaming via internet sul sito www.tv2000.it
b. dalla televisione TELEPACE andando sul sito www.telepace.it
• digitando “digitale terrestre” per conoscere il canale della propia zona/regione
In EUROPA
Sul satellite di TELEPACE: Entelsat Hotbird 13 B @ 13 E; canale 515 del decoder SKY HD e tivusat HD
STATI UNITI e CANADA (East Coast)
AMERICA del SUD
Tramite le televisioni cattoliche che si collegheranno Attraverso il satellite TELSTAR 12 15° WEST
VIA INTERNET in streaming oltre a TV2000 potete collegarvi al living streaming sul sito www.vatican.va in 6 lingue sui siti vaticani di YouTube
In PORTOGHESE streaming video in www.cn.org.br
RADIO
RADIOMARIA trasmetterà in diretta l’incontro
La Radiovaticana trasmetterà in diretta l’udienza in 4 lingue:
ITALIANO zona di Roma: MHz 105,0 FM 
Italia e zona di Roma: DAB+ RVaticana Italia
WEB: Canale 5
Streaming audio video player www.radiovaticana.va/player
INGLESE zona di Roma: MHz 93,3 FM

lunedì 2 marzo 2015

"Tutti noi siamo maestri, siamo dottori nel giustificare noi stessi"


Papa: sapienza del cristiano è non giudicare gli altri e accusare se stesso


Abbiamo tutti bisogno della misura della Misericordia di Dio, di imparare da Lui la sapienza della Croce. Mi accuso di non saperli sempre apprezzare gli altri... 

“Abbi pietà di me, Signore, aiutami a vergognarmi e dammi misericordia, così io potrò essere misericordioso con gli altri”.