lunedì 26 gennaio 2015

We're ONE but we're not the same...

Borbotto e sbuffo come una pentola sul fuoco e a distrarmi troppo rischio di bruciare... in eterno. Può consolarmi il fatto che i vicini di casa di parecchi criminali li descrivono come persone perfette? (!!!)

E il Papa torna ad incoraggiarmi.. anche oggi:

"È grazie alle mamme e alle nonne che si trasmette la fede!"


mercoledì 21 gennaio 2015

Unitivo e procreativo è il senso dell'atto coniugale.

 Paolo VI con l'Humanae Vitae aiuta a fidarsi del progetto di Dio sull'umanità:

Dio ha sapientemente disposto leggi e ritmi naturali di fecondità che già di per sé distanziano il susseguirsi delle nascite. Ma, richiamando gli uomini all’osservanza delle norme della legge naturale, interpretata dalla sua costante dottrina, la chiesa insegna che qualsiasi: atto matrimoniale deve rimanere aperto alla trasmissione della vita. (Humanae Vitae)

Famiglie numerose danno speranza

“Gli incontri con le famiglie e con i giovani, a Manila, sono stati momenti salienti della visita nelle Filippine. Le famiglie sane sono essenziali alla vita della società. Dà consolazione e speranza vedere tante famiglie numerose che accolgono i figli come un vero dono di Dio. Loro sanno che ogni figlio è una benedizione. Ho sentito dire - alcuni [lo dicono] - che le famiglie con molti figli e la nascita di tanti bambini sono tra le cause della povertà. Mi pare un’opinione semplicistica. Posso dire, possiamo dire tutti, che la causa principale della povertà è un sistema economico che ha tolto la persona dal centro e vi ha posto il dio denaro; un sistema economico che esclude, esclude sempre: esclude i bambini, gli anziani, i giovani, senza lavoro … - e che crea la cultura dello scarto che viviamo. Ci siamo abituati a vedere persone scartate. Questo è il motivo principale della povertà, non le famiglie numerose".
Papa Francesco all'udienza generale di oggi

sabato 17 gennaio 2015

This is Love

Il Papa a Tacloban: volevo solo essere qui
"Grazie Signore per essere con noi oggi, 
grazie per condividere il nostro dolore; 
grazie Signore per darci speranza, 
grazie Signore per la tua grande misericordia
Grazie Signore per darci la speranza!
Signore, fa che non ci rubino la speranza!
Grazie Signore perché nel momento più oscuro della tua vita, sulla croce, 
ti sei ricordato di noi e ci hai lasciato una Madre, tua Madre. 
Grazie Signore per non lasciarci orfani!".


domenica 11 gennaio 2015

Domenica del Battesimo del Signore

Il Padre ha dato per me il suo BELLISSIMO Figlio in cui si è compiaciuto perché lo Spirito squarciasse i cieli e scendesse anche per me. GRAZIE per la luce dentro e fuori di me oggi in questa festa in cui anche il mio Battesimo è rinnovato!



Una candela che, attinta la luce dalla sorgente del cero pasquale, rappresentazione del Cristo Risorto, vivo tra noi, passa di mano in mano, di generazione in generazione. E’ l’immagine con cui Francesco indica alle mamme, ai papà, alle madrine e ai padrini, la fede della Chiesa, popolo in cammino,  tramessa nel battesimo ai bambini:

"E' la fede della Chiesa. E’ la fede di Maria, nostra Madre, la fede di san Giuseppe, di san Pietro, di sant’Andrea, di san Giovanni, la fede gli Apostoli e dei Martiri, che è giunta fino a noi, attraverso il Battesimo. E’ molto bello questo! (…) Questa luce la prendete nella Chiesa, nel corpo di Cristo, nel popolo di Dio che cammina in ogni tempo e in ogni luogo. Insegnate ai vostri figli che non si può essere cristiano fuori dalla Chiesa, non si può seguire Gesù Cristo senza la Chiesa, perché la Chiesa è madre e ci fa crescere nell’amore a Gesù Cristo". E’ in questa fede che i bambini vengono battezzati, consacrati dallo Spirito Santo, nel quale è stato immerso Gesù in tutta la sua esistenza terrena.

“Il Battesimo ci inserisce nel corpo della Chiesa, popolo Santo di Dio in cammino”.
Nel Battesimo di Gesù c'è la discesa dello Spirito Santo, che - ha sottolineato Papa Francesco - è "il grande dimenticato nelle nostre preghiere", ma è il medesimo Spirito che guida l’esistenza cristiana. "Porre sotto l’azione dello Spirito Santo la nostra vita di cristiani e la missione, che tutti abbiamo ricevuto in virtù del Battesimo, significa ritrovare coraggio apostolico necessario per superare facili accomodamenti mondani”:
“Un cristiano e una comunità ‘sordi’ alla voce dello Spirito Santo, che spinge a portare il Vangelo agli estremi confini della terra e della società, diventano anche un cristiano e una comunità ‘muti’ che non parlano e non evangelizzano”.

=)