martedì 31 gennaio 2012

Le tessitrici

D’Avenia e il fuoco educativo

Vatican Insider

San Giovanni Bosco

"L’uomo muore se passa il tempo a coltivare se stesso;
vive se non pensa più a sé, ma al fratello e a Dio".
- Iginio Giordani -

"Signore, tendi l'orecchio, rispondimi, perché io sono povero e infelice".

"Non tutto è perduto quando accade una cosa contraria. Non giudicare secondo il sentire umano. Non restare schiacciato da una difficoltà, da qualunque parte essa venga; non subirla come se ti fosse tolta ogni speranza di riemergere." (Imitazione di Cristo)

venerdì 27 gennaio 2012

"Guardate a Lui e sarete raggianti"

Don Luigi Giussani:"Man mano che maturiamo, siamo a noi stessi spettacolo e, Dio lo voglia, anche agli altri. Spettacolo, cioè, di limite e di tradimento, e perciò di umiliazione, e nello stesso tempo di sicurezza inesauribile nella Grazia che ci viene Donata e rinnovata ogni mattino. Da qui viene quella baldanza ingenua che ci caratterizza, per la quale ogni giorno della nostra vita è concepito come un'offerta a Dio, perché la Chiesa esista dentro i nostri corpi e le nostre anime, attraverso la materialità della nostra esistenza."


In... visibile: L'arte della vita


Ecco quale bellezza cerco! Per Natale ho avuto il piacere di una chiamata dal carissimo don S. molto più giovane di me eppure GRANDE, il quale mi invitava a non scoraggiarmi per la mia pochezza, perché, anche se la luna è fatta di pietre e polvere, la sua bellezza consiste nel rimandare tutta la luce!

Mai più per gli ebrei, mai più per nessuno.




ALLA MEMORIA NON BASTA UNA GIORNATA...>

giovedì 26 gennaio 2012

Sono già venuti e sono tra noi molti anticristi fino a colmare la misura con l'ultimo!

Anche se un cristianesimo tolstojano ci rendesse infinitamente più accettabili nei salotti, nelle aggregazioni sociali e politiche, nelle trasmissioni televisive, non possiamo e non dobbiamo rinunciare al cristianesimo di Gesù Cristo, il cristianesimo che ha al suo centro lo scandalo della croce e la realtà sconvolgente della risurrezione del Signore.
(di Giacomo Biffi)
L’Anticristo era – dice Solovev – “un convinto spiritualista”...>

mercoledì 25 gennaio 2012

Sindrome di Down: si laurea la prima ragazza affetta da questa patologia

Salute Pour Femme

αλήϑεια

“Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità” (Gv 17, 17ss)


 Ho appena ascoltato l'udienza del Papa e assaporavo la bellezza di questa parola in cui mi perdo: non sono in grado di dissertare ma di gustare...SI!

I buoni frutti del Cammino Neocatecumenale

Intervista a Kiko Arguello: i buoni frutti del Cammino Neocatecumenale | Cammino.info


UNA FORMAZIONE CATTOLICA PER I TEMPI MODERNI...>

Jane Roe ora è contro l'aborto

Centro di aiuto alla Vita di Roma: "Jane Roe", il cui nome è il nome della legge americana sull'aborto ricorda a tutti che quella sentenza nacque da una bugia: NON era incin...

martedì 24 gennaio 2012

LA SOFFERENZA DEGLI INNOCENTI

Parola e silenzio si integrano e non si oppongono

Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione: il Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali...> Ai nostri giorni, la Rete sta diventando sempre di più il luogo delle domande e delle risposte; anzi, spesso l’uomo contemporaneo è bombardato da risposte a quesiti che egli non si è mai posto e a bisogni che non avverte. Il silenzio è prezioso per favorire il necessario discernimento tra i tanti stimoli e le tante risposte che riceviamo, proprio per riconoscere e focalizzare le domande veramente importanti. Nel complesso e variegato mondo della comunicazione emerge, comunque, l’attenzione di molti verso le domande ultime dell’esistenza umana: chi sono? che cosa posso sapere? che cosa devo fare? che cosa posso sperare? E’ importante accogliere le persone che formulano questi interrogativi, aprendo la possibilità di un dialogo profondo, fatto di parola, di confronto, ma anche di invito alla riflessione e al silenzio, che, a volte, può essere più eloquente di una risposta affrettata e permette a chi si interroga di scendere nel più profondo di se stesso e aprirsi a quel cammino di risposta che Dio ha iscritto nel cuore dell’uomo. Questo incessante flusso di domande manifesta, in fondo, l’inquietudine dell’essere umano sempre alla ricerca di verità, piccole o grandi, che diano senso e speranza all’esistenza. PRIMO COMMENTO al Messaggio del Papa per la 46a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali (2012)

Silenzio e comunicazione

Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata delle comunicazioni sociali: ritrovare il tempo del silenzio per dare valore alla parola - Radio Vaticana Web e social network – sottolinea mons. Celli – sono sorprendenti bacini di comunicazione ma sempre se si scongiura il rischio superficialità. Poi una parola sui telefonini: squillano anche in Chiesa o sul tavolo di coppie in cene romantiche dimostrando che c’è bisogno di riscoprire su tanti fronti il valore del silenzio come capacità di ascolto e contemplazione.

domenica 22 gennaio 2012

Follia


Papa: «Servono laici con senso critico in grado di contrastare la cultura dominante»...>

A chi piace bere da fonti inquinate?




8. I mass media corrompono? from Sentinelle del mattino on Vimeo.

Fede

P.Antonio Spadaro: Mi interrogo su che cosa sia una «buona notizia».

Il giornalismo? Non solo un mestiere ma una dimensione della vita di tutti

Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Gesù Cristo nostro Signore

VATICANO Papa: L’unità dei cristiani viene da Dio, ma esige il nostro impegno quotidiano - Asia News “L’unità visibile di tutti i cristiani è sempre opera che viene dall’alto, da Dio, opera che chiede l’umiltà di riconoscere la nostra debolezza e di accogliere il dono. Però, per usare un’espressione che ripeteva spesso il Beato Papa Giovanni Paolo II, ogni dono diventa anche impegno. L’unità che viene da Dio esige dunque il nostro quotidiano impegno di aprirci gli uni agli altri nella carità”

My hero

TG 2 sulla Domus Galileae

sabato 21 gennaio 2012

Understand: per capire...

Twitter / @Prof2punto0

Funerale del vigile ucciso a Milano

‎"Nicolò con dignità, indossava una divisa particolare, quella del vigile di Milano. Non la portava sentendosi sopra agli altri cittadini, ma al servizio di essi: questo ha fatto di lui una persona comune, ma non una persona qualunque. L'ha dimostrato fino in fondo, intervenendo in difesa di chi era in difficoltà, in quella circostanza che poi lo ha portato alla morte." (Mons. De Scalzi)

David Maria Turoldo

David Maria Turoldo: su morte e sofferenza. - YouTube

venerdì 20 gennaio 2012

Se qualche SUPERMEGAIPERSTRAULTRAcattolico non ama i neocatecumeni...a me basta il Papa, GRAZIE BENEDETTO XVI!

Siete un dono dello Spirito al nostro tempo: così il Papa ai Neocatecumenali | Cammino.info

Servizio della Radio Vaticana

“Proprio al fine di favorire il riavvicinamento alla ricchezza della vita sacramentale da parte di persone che si sono allontanate dalla Chiesa, o non hanno ricevuto una formazione adeguata, i neocatecumenali possono celebrare l’Eucaristia domenicale nella piccola comunità, dopo i primi Vespri della domenica, secondo le disposizioni del Vescovo diocesano”.

BXVI mostra il volto del Padre Misericordioso! Alcuni "parrocchiosi" si comportano invece come il fratello maggiore del figliol prodigo e non sopportano un trattamento così per gente distrutta dalla vita fuori dalla Chiesa!

Kiko è un entusiasta e sta scoppiando di gioia!!!

La "CIOIA" è anche del Papa: http://www.tv2000.it/


Per voi infatti è la promessa e per i vostri figli e per tutti quelli che sono lontani, quanti ne chiamerà il Signore Dio nostro. 

Con molte altre parole li scongiurava e li esortava: "Salvatevi da questa generazione perversa". (Atti 2,39-40)

Il Santo Padre Benedetto XVI incontrerà gli iniziatori del Cammino Neocatecumenale

 Diretta dell'udienza di Papa Bendetto XVI agli iniziatori del Cammino Neocatecumenale | Cammino.info 

mercoledì 18 gennaio 2012

Porta Fidei

La “porta della fede” che introduce alla vita di comunione con Dio e permette l’ingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi. E’ possibile oltrepassare quella soglia quando la Parola di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che trasforma. Attraversare quella porta comporta immettersi in un cammino che dura tutta la vita. Esso inizia con il Battesimo...Porta Fidei

lunedì 16 gennaio 2012

Don Amorth su Monti

"MAI RILASCIATO INTERVISTE.CHI HA SCRITTO HA INVENTATO" cosimo de matteis


"In Pakistan... è sempre colpa delle donne"

da ZENIT

I peggiori nemici sono i falsi..."amici"...

Amate i vostri nemici.  Dio ci dia di vincere il Male con il Bene! Sono una frana io però so per quale squadra tifo.


GIOVANNI PAOLO IINel testo del Concilio, col richiamo al primo peccato, e al suo retaggio nella storia umana, si chiude la prospettiva della lotta annunciata dalle parole attribuite a Dio in Gen 3, 15: “Io porrò inimicizia”. Se ne deduce che se il peccato è sin dall’inizio legato alla libera volontà e alla responsabilità dell’uomo e apre una questione “drammatica” tra l’uomo e Dio, è anche vero che l’uomo, a causa del peccato, è inserito (come si esprime giustamente il Vaticano II) “in una lotta tremenda contro le potenze delle tenebre” (Gaudium et Spes, 37). È coinvolto e “come incatenato” (sempre secondo il Concilio) nel dinamismo oscuro di quel “mysterium iniquitatis”, che è più grande di lui e della sua storia terrena.
Ne parla bene a proposito la Lettera agli Efesini: “La nostra battaglia non è contro creature fatte di sangue, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” (Ef 6, 12). Ma anche il pensiero dell’immane realtà del peccato che grava su tutta la storia con una particolare considerazione per i nostri tempi, ci risospinge alla tremenda verità di quelle parole bibliche e conciliari su “l’uomo . . . inserito nella lotta tremenda contro le potenze delle tenebre!”. Non dobbiamo però dimenticare che su questo mistero di tenebra si accende fin dall’inizio una luce che libera la storia dall’incubo di una condanna inesorabile: l’annuncio del Salvatore.

domenica 15 gennaio 2012

Abbiamo conosciuto l'amore che Dio ha per noi e vi abbiamo creduto. (1 Gv 4,16)


Sal 22,5
Dinnanzi a me hai preparato una mensa
e il mio calice trabocca.
 
Parásti in conspéctu meo mensam,
et calix meus inébrians quam præclárus est!




sabato 14 gennaio 2012

Tu sei il più bello!


E' per eliminare il peccato dal mondo, rovesciare il Maligno, distruggere la morte morendo per tutti, spezzare la maledizione che ci affliggeva e mettere fine alla parola: «Polvere tu sei e in polvere tornerai» (Gen 3,19). Divenuto così il secondo Adamo, di origine celeste e non terrestre (1Cor 15,47),  è la fonte di ogni bene per l'umanità..., la via che porta al regno dei cieli. Poiché un solo Agnello è morto per tutti ed ha riportato a Dio Padre tutto il gregge di coloro che abitano sulla terra. «Uno solo è morto per tutti», per sottomettere tutti a Dio;  «uno solo è morto per tutti» per guadagnare tutti, perché tutti ormai «non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro» (2Cor 5,14-15)


Mario Monti era giunto in Vaticano poco prima delle 11, accompagnato dalla moglie e da un seguito di 11 persone, tra cui il ministro degli Esteri, Giuliomaria Terzi di Sant’Agata. Al termine del colloquio con il Papa, durato circa 25 minuti, è avvenuto il tradizionale scambio di doni. Il premier ha fatto omaggio al Pontefice della riproduzione di un libro di mappe e carte nautiche e di un suo libro del 1992, “Il governo dell’economia e della moneta”. Da parte sua, il Papa ha contraccambiato donando al premier una preziosa penna e una stampa del ‘500 che raffigura la Basilica di San Pietro in costruzione.VENGA IL TUO REGNO...>

Affonda una Corcordia e ne nasce una migliore...e solidale!

Giglio, il parroco accoglie i naufraghi in crociera

IMU


mercoledì 11 gennaio 2012

LA SAGRADA FAMILIA 2011 MADRID




Chi ci perseguita non fa altro che aumentare i bolli di approvazione dopo decenni di studi da più commissioni...eppure non mancano mai quelli che si ergono a dar lezioni...
Forse perché il vino nuovo rompe...gli otri vecchi? = ) Lo Spirito Santo ha fantasia e stupisce con frutti sempre freschi e questo stupore mi attira ancora. Grazie a Dio e alla Madonna per aver chiamato Kiko!


Chi gusta il vino vecchio e non ha assaporato il nuovo dice che il vecchio è buono...e nessuno lo mette in dubbio ;-)

sabato 7 gennaio 2012

Sistole e diastole familiari

Diuturnamente si invitano i soggiornanti della stanza a soqquadro ad intrattenersi altrove per poter cambiare aria, pulire e accoglierli nuovamente in un ambiente da rimescolare come un mazzo di carte. 
Rifletto così sull'insegnamento esistenziale che ne deriva: chi ama la pulizia, sistema e pulisce, armandosi di pazienza. Chi ama il profumo della santità si aggiusta alla volontà di Dio, trovando tanti peccati da cui emendarsi. E' il santo che si vede peccatore e viceversa.

mercoledì 4 gennaio 2012

Ecco arrivano i re magi...


                                                                  Presepe di Loreto

Il Papa all'udienza generale: i cristiani siano testimoni della gioia del Natale...>

domenica 1 gennaio 2012

La falsità ci viene predicata da tutte le parti

La venuta tra noi del Figlio di Dio è liberatrice anche perché ci ha fatto conoscere la verità. Una seconda fonte di schiavitù è infatti la falsa visione delle cose. La presenza della menzogna e dell’errore è il segno nel mondo dell’artiglio di Satana, che – ha detto Gesù – è il «padre della menzogna» (cf. Gv 8,44). Noi siamo immersi nella falsità. La falsità ci viene predicata da tutte le parti: falsità circa l’uomo, il suo destino, la sua natura; falsità morale, che presenta il male come bene e propone comportamenti contrari ai principi fondamentali e alla stessa dignità intrinseca delle creature umane; falsità nel presentare la Chiesa, la sua opera, le sue intenzioni, la sua storia. Il Signore ha detto: «La verità vi farà liberi» (cf. Gv 8,32). E la verità è lui. Se prendiamo l’abitudine di esaminare criticamente alla luce del suo mistero – cioè della sua persona, delle sue azioni, del suo magistero – ogni idea che ci viene conclamata, ogni proposta che tenta di farsi accogliere, ogni avvenimento in cui ci imbattiamo, allora la menzogna dileguerà nel cielo della nostra anima, come le nebbie del mattino al sorgere dell’unico sole. 
 Da Il Natale del Signore

di Giacomo Biffi*
24-12-2011

Condividi l’amore, dai amore, diffondi l’amore...

http://costanzamiriano.wordpress.com/2012/01/01/niente-post-ma-tanti-auguri/
Ricorda l’amore
Oh, devi , devi ricordare l’amore
L’amore è un dono del cielo
Condividi l’amore, dai amore, diffondi l’amore
Misura la tua vita con l’amore
Stagioni d’amore