giovedì 29 gennaio 2009

degno campione

San Pietro era un vigliacco, Papa Giovanni (a sentire lo storico Melloni) uno sciocco, e la maggioranza degli attuali cardinali, vescovi e preti è di una pochezza impressionante. Il sole non riscalda mai nulla di nuovo. Le infinite pagine dei “Commentarii” di Papa Pio II (2.725 nella recente edizione Adelphi) rigurgitano di giudizi tremendi sul clero, espressi con parole che il mite Ratzinger non si sognerebbe mai di utilizzare. Qualche titolo di capitolo: “Orlando vescovo di Firenze e la sua stolta morte”, “Vuote e perverse calunnie di molti – e in particolare del cardinale d’Aquileia”, “Morte di Giovanni cardinale di Pavia, uomo superbo e avido di denaro”, “Il vescovo di Alet corrotto e perverso”, “L’orazione poetica e pagana del vescovo di Arras, o meglio: la sua sciocca chiacchierata”... Piccolomini, grande pontefice, arriva a stroncare i cardinali quasi in blocco: “Se questa dignità si dovesse conferire solo a coloro che la meritano veramente, dovremmo cercare in cielo quelli a cui donare il cappello rosso”. La balordaggine del materiale umano ecclesiastico, degno campione di quello extra-ecclesiastico, è conosciuta da venti secoli ma i nemici della chiesa la scoprono una volta al mese: non capiscono, gli ottusi, che ogni loro critica è un implicito riconoscimento allo Spirito Santo, che da sempre e per sempre regge l’intera baracca.

di Camillo Langone
Preghiera
28 gennaio 2009

mercoledì 28 gennaio 2009

faticoso cammino dell’ascolto e del dialogo, dell’amore e del perdono

...la memoria della Shoah induca l’umanità a riflettere sulla imprevedibile potenza del male quando conquista il cuore dell’uomo


...la violenza fatta contro un solo essere umano è violenza contro tutti

...>

lunedì 26 gennaio 2009

Lettera da un “altro mondo” Di Antonio Socci da Libero 21/01/2009

"Mi ha colpito leggere queste parole nella lettera di un diciannovenne, di un ragazzo normalissimo, ma che non si fa addomesticare dall’industria del rincoglionimento." ...>

venerdì 23 gennaio 2009

giovedì 22 gennaio 2009

mancanza di genio (femminile)

I piemontesi lo sanno che poi arrivano le cavallette? - La preghiera di Camillo Langone

Il faraone ordinò alle levatrici di uccidere i neonati ebrei ma “le levatrici temettero Dio: non fecero come aveva loro ordinato il re d’Egitto e lasciarono vivere i bambini”. Resistere all’ordine di uccidere innocenti è un dovere, eseguirlo non è un diritto e porta disgrazie. Oggi il Piemonte si candida a Egitto del XIII secolo avanti Cristo e Mercedes Bresso a faraona, forse perché la sua futura mummia ottenga un posto d’onore nel Museo Egizio di Torino. Ma i piemontesi lo sanno che poi arrivano le cavallette?


...e non solo cavallette!